Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2009

Come ridurre le crisi epilettiche agendo sull'ippocampo

Immagine
Prevenire le crisi di epilessia alterando il normale flusso di onde cerebrali in corrispondenza dell’ippocampo. È la proposta di Luis V. Colom dell'Università del Texas a Brownsville. Secondo lo studioso intervenendo con appositi sensori nella regione cerebrale predisposta principalmente per le funzioni mnemoniche e di apprendimento, è possibile ridurre dell’86-97% il numero delle crisi epilettiche. I test sono stati per ora condotti solo sui topi, ma si spera presto di poter intervenire anche sull’uomo. Lo studio è stato pubblicato sul “Journal of Neurophysiology”, organo dell’American Physiological Society. Specificatamente gli scienziati hanno concentrato i loro sforzi sul cosiddetto setto pellucido dell’encefalo, un’area a ridosso dell’ippocampo. Il setto regola il passaggio dei segnali cerebrali dal tronco encefalico all’ippocampo, fra le cui funzioni c’è anche quella di integrazione delle attività sensomotorie. “La mia teoria – commenta Luis V. Colom, che ha guidato lo studi…

Tsunami devasta l'arcipelago delle Samoa

Immagine
Un potente terremoto nel Pacifico di magnitudo 8,3 ha sconvolto, ieri, le isole Samoa. L’evento sismico – avvenuto alle 6,45 (19,45 ora italiana) - ha provocato uno tsunami che si è abbattuto sull’arcipelago, posto fra le Hawaii e la Nuova Zelanda, seminando morte e distruzione. In questo momento si parla di 113 vittime, decine di dispersi e numerosi villaggi rasi al suolo. 16 gli italiani presenti sulle isole Samoa, ma nessuna vittima, ha raccontato l’ambasciatore italiano in Nuova Zelanda, Gioacchino Trizzino. Mentre il Primo Ministro delle Samoa, Tuilaepa Sailele Malielegaoi dice che “tutto è andato distrutto. Aggiungendo che “fortunatamente l’allarme lanciato dalla radio ha dato il tempo a molte persone di correre ai ripari”. Quattro ondate gigantesche – con onde comprese fra i 4 e i 6 metri di altezza - hanno devastato soprattutto la zona di Pago pago, dove il maremoto è giunto dopo circa 10 minuti dalla scossa sismica: in alcuni punti il mare sarebbe avanzato per oltre un chilom…

Facebook o Myspace? Dipende da quanto guadagni

Immagine
Dimmi quale social network preferisci e ti dirò chi sei o, meglio, quanto guadagni. Questo il risultato di un curioso studio condotto dal centro ricerche Nielsen. I ricercatori hanno diviso in tre gruppi i partecipanti al test, in base alle fasce di reddito. È emerso che i più benestanti (che spesso abitano nelle grandi città) usufruiscono soprattutto di Facebook; al contrario i meno abbienti usano più spesso Myspace. In particolare, chi guadagna di più, ha il 25% di probabilità in più di cliccare sul sito inventato da Mark Zuckerberg; analogamente chi vive in condizioni economiche più disagiate ha il 37% di probabilità in più di far parte della comunità virtuale di Myspace. Dalla ricerca emerge anche un altro dato interessante: aumentano sempre di più gli adulti dipendenti dai social network, mentre diminuiscono i più giovani. Nel 2009 l’uso di Facebook (e Twitter) è calato fra gli studenti dei college americani, mentre è incrementato del 513,7% il numero di utenti over 50.

Tutti poeti grazie all'inventore dell'intelligenza artificiale

Immagine
Conquistare una donna con una bella poesia. Oggi è possibile grazie a un’idea dell’inventore dell’intelligenza artificiale, Ray Kurzweil (nella foto) e al suo fido collaboratore, l’ingegnere John Keklak. I due studiosi sono, infatti, riusciti a collaudare e brevettare il primo software che imita lo stile e la tecnica di tutti i più grandi poeti della storia. Battezzato con il nomignolo “cuore d’artista” lo scopo del computer è “frullare” le opere di ogni grande letterato del presente e del passato e comporre poesie ad altissimo livello per chiunque lo desideri. Per usufruire del software basta collegarsi a un computer normale e scaricare la versione free del “poeta cibernetico” dal sito http://www.kurzweilcyberart.com/. Con pochi clic, quindi, ci si ritrova a vestire i panni di un novello Dante, Petrarca, Boccacio; o - se vogliamo stare un po’ più al passo coi tempi – Luzi, Montale, Quasimodo. I primi esperimenti condotti con il software hanno già ottenuto grande successo. Il computer…

Scoperti i batteri "cleptomani": rubano i geni che ci aiutano a contrastare le infezioni

Immagine
Battezzati batteri “cleptomani”, il loro scopo è privare l’organismo umano dei geni che ci proteggono dalle infezioni. Secondo i ricercatori dello European Molecular Biology Laboratory (Embl) a Heidelberg, in Germania, la consapevolezza di questa nuova categoria di microrganismi, offrirà nuove soluzioni nella ricerca contro malattie come la polmonite o altre patologie connesse con l’azione batterica e le infezioni del corpo umano in generale. Il primo pensiero degli studiosi è andato alla realizzazione di nuovi vaccini in grado di ostacolare l’attività dei microrganismi più aggressivi e tenaci. Vaccini testati appositamente per incentivare la produzione di anticorpi da parte di un organismo malato e bloccare quindi le infezioni sul nascere. Lo studio europeo si è soprattutto concentrato sul gene responsabile della produzione di una specifica proteina del sangue: l’alfa–2macroglobulina. Quest’ultima è fondamentale nella lotta contro determinati agenti patogeni esterni e pertanto la sua…

Bistecche di cane a pranzo e cena

Immagine
L’allarme giunge dall’Associazione italiana difesa animale ed ambiente (Aidaa): sempre più cani di piccola e media taglia vengono abbattuti a Milano per essere mangiati. Il fenomeno starebbe dilagando in città soprattutto nelle zone di via Padova e via Sarpi. I responsabili dell’associazione in favore della salvaguardia animale puntano il dito soprattutto sui residenti di nazionalità cinese, abituati al consumo di carne di origine canina. Secondo gli esperti i cani macellati non vengono indirizzati ai ristoranti – spesso gestiti da orientali – ma consumati in famiglia, come cibo quotidiano. Nell’ultimo periodo ci sono state una quindicina di segnalazioni che se dovessero essere confermate, indurrebbero le forze dell’ordine a intervenire con sanzioni severe. I cani destinati al macello vengono tenuti per un certo periodo incatenati nelle cantine dei residenti, prima di essere storditi con l’elettricità e finiti con armi da taglio.

Il cuore in forma anche sul posto di lavoro

Immagine
Come proteggere il nostro cuore sul posto di lavoro. Questo il tema della decima Giornata mondiale del cuore dal titolo “Prenditi cura del tuo cuore, in ogni luogo e in ogni momento”, in programma per domani, domenica 27 settembre: l’iniziativa prevede numerosi incontri e screening gratuiti nelle principali città italiane, Milano compresa. Gli specialisti dicono che si tende a condurre un regime di vita sano solo durante i fine settimana o al rientro dal lavoro, affrontando discipline come nuoto, jogging, ginnastica. In realtà, affermano, il benessere del nostro “motore elettrico” inizia proprio sul posto di lavoro dove ognuno di noi passa gran parte della giornata: “Le attività quotidiane in ambito lavorativo coprono una bella fetta delle 24ore giornaliere, circa il 42% – spiega Cesare Fiorentini, Direttore del Dipartimento di Scienze Cardiovascolari dell’Università di Milano -. Per questo motivo è importante partire innanzitutto da qui per non creare i presupposti per lo sviluppo di…

Più grande il cervello di chi medita

Immagine
Imparare cose nuove fa crescere di peso e volume il cervello. È la conclusione della ricercatrice Anna May, dell’Università di Regensburg, in Germania. La studiosa ha concentrato i suoi studi sulla materia grigia, scoprendo che può aumentare di spessore, in particolare in corrispondenza dell’area dove si acquisiscono nuove nozioni tecnico–comportamentali. È una notizia che apre nuovi spiragli di studio in campo neurologico (malattie neurodegenerative) e in campo psichiatrico (difficoltà di apprendimento). La scoperta ha suscitato scalpore tra gli specialisti in quanto nessuno fino a oggi aveva mai pensato che il cervello potesse modificarsi nel tempo. La scienziata tedesca ha analizzato la corteccia cerebrale di alcuni giocolieri in erba – età media 22 anni - tramite la risonanza magnetica. Ai partecipanti al test sono state consegnate inizialmente tre palline da far ruotare per 60 secondi, senza mai farle cadere. Infine, dopo qualche settimana di esercizi, gli studiosi hanno “fotogra…

Scoperta l'acqua sulla Luna. Faciliterà le imprese degli astronauti

Immagine
Nasa's plans to establish a human outpost on the moon have received a surprise boost following the discovery of large amounts of water on its surface. Three spacecraft detected a thin sheen of water locked up in the first few millimetres of lunar soil that could be extracted and used to sustain astronauts on expeditions to our nearest celestial neighbour. Instruments aboard the spacecraft suggest that a cubic metre of soil on the lunar surface could hold around a litre of water. The discovery of water on the moon will bolster Nasa's long-term goal of establishing a permanently crewed outpost there. The space agency is developing a new generation of rockets and crew capsules capable of reaching the moon which are due to fly within five years of the space shuttle fleet being retired next year. "From the long-term space exploration space point of view, it opens an entirely new option to consider as a water resource," said Carle Pieters, a planetary scientist at Brown Un…

Bimbi prematuri: è boom

Immagine
Cresciuti, in Inghilterra, del 25% i parti prematuri da 25 anni a questa parte. È la notizia diffusa ieri dagli esperti dell’Università di Edimburgo. Gli scienziati hanno analizzato 90mila nascite fra il 1980 e il 2005, verificando che nel 1980 nascevano 54 bimbi prematuri su 1000, contro i 63 del 2005. Secondo i ricercatori il fenomeno è dovuto la fatto che oggigiorno i medici tendono a intervenire prima del “termine”, spesso con il taglio cesareo, per evitare complicazioni legate per esempio a diabete e/o ipertensione gestazionale. Il dato inglese si riflette su tutti i paesi industrializzati, Italia compresa. In Usa, nel 2005, i prematuri hanno rappresentato il 12,3% dei nati complessivi. Nello stesso anno in Italia sono nati 30mila bimbi prima della trentaseiesima settimana.

Gatti giganti con la provetta

Immagine
Non è un gatto come tutti gli altri. Pesa infatti più del normale micio domestico, fino a 15 chili, ama giocare con l’acqua, e compie salti altissimi grazie alle sue lunghe gambe affusolate. Non per niente molti veterinari lo definiscono il “supergatto” per antonomasia. Stiamo parlando del savannah, razza felina che si sta diffondendo sempre di più nelle case degli europei. In Inghilterra, dove di questi esemplari se ne contano circa 300, ci sono liste di attesa lunghe sei mesi per averne uno, nonostante il non proprio abbordabile prezzo di 6mila sterline a esemplare. Il savannah è in pratica un ibrido derivante dall’incrocio fra un servalo, felino delle savane africane (che può arrivare ai 18 chilogrammi di peso per un metro di lunghezza), e un comune gatto domestico. Judee Frank, allevatore statunitense, ha ottenuto il primo esemplare nel 1980. In trent’anni, quindi, il savannah ha avuto un grande successo e ora molte famiglie desiderano averne uno in casa. Secondo gli allevatori la…

Le dimensioni delle uova dei canarini dipendono dal canto del maschio

Immagine
A seconda di come i maschi cantano le femmine dei canarini (Serinus canaria) fanno uova più o meno grandi. Lo dicono gli studiosi della Royal Holloway University di Londra e del Max-Planck-Institut per l'ornitologia di Seewiesen, in Germania. Gli scienziati hanno osservato varie popolazioni di canarini constatando che la solerzia nella cova, le cure parentali, ma anche le dimensioni delle uova e il sesso dei pulcini dipendono strettamente dalle qualità canore dei maschi. Sull’ultimo numero della rivista Ethology gli studiosi spiegano che nei canarini il canto del maschio ha una importante funzione di attrazione nei confronti della femmina, e che le femmine rispondono maggiormente a strutture complesse del canto, chiamate “sillabe sexy”. I test hanno dimostrato che le femmine esposte a registrazioni di canti contenenti un repertorio di sillabe sexy producevano uova di dimensioni maggiori rispetto a quelle delle femmine che avevano ascoltato canti privi di tali espressioni. Le cure …

Big One: California in preallarme

Immagine
In California è allarme Big One. Il grande terremoto che i sismologi prevedono staccherà la California dal continente in un prossimo futuro potrebbe essere alle porte. Lo dice Yuri Fialko, geofisico dell’Università della California a San Diego, in un articolo apparso su Nature. Secondo lo scienziato la famosa faglia di San Andrea, nei pressi della quale sorgono metropoli fortemente urbanizzate come San Francisco, sarebbe, fra non molto, sottoposta a un livello di stress sufficiente a scatenare un terremoto di magnitudo superiore a 7. Potenzialmente coinvolte anche le città di Los Angeles e San Diego. I satelliti che hanno permesso a Fialko di arrivare a queste conclusioni sono stati forniti dall’ESA, l’Agenzia Spaziale Europea. Attraverso il loro impiego lo studioso ha potuto riscontrare che, la parte meridionale della faglia, rispetto a quella settentrionale sede del disastroso terremoto del 1906, è da 300 anni che accumula energia. Dunque egli ritiene che, in base ai lenti spostamen…

Figli dell'inseminazione artificiale: Lou Sheng e i suoi due piccoli

Immagine
I suoi begli occhioni neri, circondati dal caratteristico disegno scuro della pelliccia, sono costantemente puntati sulle due piccole creature che ha partorito il 18 agosto, un maschio e una femmina, benché le capiti spesso di sentirsi affaticata e bisognosa di riposo. Li segue in ogni loro passo, gioca con loro e li coccola. Lou Sheng è una mamma di panda gigante molto particolare: è infatti uno dei primi animali di questa specie (forse il primo in assoluto) venuto alla luce con l’inseminazione artificiale. A sua volta, quindi, ha procreato grazie all’intervento dell’uomo e allo sperma di due maschi adulti, Sansan e Xiaoming. Oggi, quindi, i due piccoli, che hanno appena festeggiato il mese di vita, stanno bene e vivono con mamma Lou presso il Shaanxi Rare Wildlife Breeding and Research Centre di Zhouzhi County, nel nord est della Cina. I panda, eletti a simbolo per antonomasia nella lotta per la salvaguardia delle specie animali in via di estinzione, fanno molta fatica a riprodursi:…

Pomodori giganti grazie alla... pipì

Immagine
Uno studio diffuso poco tempo fa da Coldiretti diceva che sempre più italiani amano coltivare l’orto. Secondo le stime il fenomeno riguarda il 37% degli abitanti del Belpaese. Si coltiva l’orto per scaricare lo stress, per il desiderio innato di vivere secondo natura, per avere sempre a disposizione frutta e ortaggi freschi. Oggi, quindi, giunge a pennello una notizia diffusa da un team di ricercatori finnico guidato da Surendra Pradhan, dell’Università di Kuopio: per far crescere i propri ortaggi 4volte più grandi del normale basta trattarli con... la pipì. Ebbene sì, la raccomandazione degli scienziati scandinavi può far sorridere, tuttavia è scientificamente provato che trattandoli in questo modo – con l’aggiunta di cenere legnosa - si ha una resa decisamente migliore del normale: ciò è vero soprattutto per i pomodori, per i cetrioli, per il mais. Per arrivare a questi risultati gli scienziati di Kuopio hanno fertilizzato quattro gruppi di ortaggi diversi, trattandoli solo con urin…

Via sigarette e grassi e si vive 10 anni in più

Immagine
Da sempre sappiamo che l’abitudine al fumo, associata a valori alti di pressione arteriosa e grassi nel sangue, determina un’aspettativa di vita minore rispetto alla media nazionale. Oggi, però - grazie a uno studio condotto da scienziati dell’Università di Oxford, in Inghilterra - possiamo anche conoscere esattamente quanti anni in meno rischiamo di vivere in queste condizioni: 10 anni. Gli scienziati inglesi sono giunti a queste conclusioni dopo aver condotto uno studio - durato 38 anni - su 19mila persone. È dunque iniziato tutto nel 1967 quando, a causa dell’alto numero di decessi per malattie cardiovascolari in Gran Bretagna, i medici del Paese decisero di verificare le condizioni di salute del maggior numero di persone di età compresa fra i 40 e i 69 anni. Dall’indagine emerse che il 51% dei partecipanti ai test aveva il colesterolo alto; il 42% aveva il vizio del fumo; il 39% soffriva di ipertensione arteriosa.

Lo studio

Dopo 38 anni gli studiosi sono quindi tornati a esaminare …

Dallo studio delle balene, gli aerei del futuro

Immagine
Si studia l'anatomia delle balene gibbose (Megaptera novaeangliae) per migliorare il volo degli aerei. Scienziati statunitensi della West Chester University in Pennsylvania dicono che le pinne dei giganteschi mammiferi acquatici possiedono caratteristiche tali da vincere la resistenza dell’acqua meglio di qualunque altro animale. Questa capacità è data da strisce di bozzoli chiamate “tubercoli”. All’interno di esse l’acqua crea una serie di mulinelli e turbolenze che consentono all’animale di muoversi con estrema agilità. Gli studi hanno preso spunto dalle intuizioni di Bernoulli, lo scopritore della legge dei fluidi (secondo la quale gas e acqua si comportano nello stesso modo) e dalle relative applicazioni di tale teoria ai principi dell’aerodinamica. Gli scienziati hanno osservato che le balene sono in particolare in grado di eseguire scattanti cambi di direzione, rapide svolte a 180 gradi, e molti altri movimenti giudicati eccessivi se rapportati alla stazza dell’animale. Dunq…

CoRoT-7b: il pianeta gemello della Terra

Immagine
Scoperto il pianeta più simile alla Terra. Si trova a circa 500 anni luce da noi e gli astronomi dell’Agenzia spaziale francese (Cnes) e dell’Agenzia spaziale europea (Esa) l’hanno battezzato CoRoT-7b. Composto da materiale roccioso, presenta una densità pari a 4,7 grammi per centimetro cubo (quella terrestre è di 5,5), un raggio l’80% superiore a quello terrestre, e una massa cinque volte più grande della nostra. Orbita intorno alla sua stella a gran velocità, 750mila chilometri orari. Didier Queloz, dell’Osservatorio di Ginevra, specifica che CoRoT-7b si muove intorno a un astro un po’ più piccolo e freddo del sole, di “appena” 1,5 miliardi di anni, che si trova nella costellazione dell’Unicorno. Secondo Claire Mountou del Laboratorio di Astrofisica di Marsiglia, per il momento, è impossibile dire se il corpo celeste ospiti acqua e vita, anche se le probabilità sono remote: benché sia assai probabile la presenza di montagne, vallate e vulcani, gli scienziati stimano che le temperatu…

Il miglior cielo stellato? Al Polo Sud

Immagine
Dal Polo Sud le stelle si vedono meglio che in ogni altra parte della Terra, più o meno come se ci si trovasse sospesi in orbita. Lo sostengono dei ricercatori australiani della New South Wales University di Sydney (UNSW). Ciò è dovuto al fatto che in questo punto del pianeta il cosiddetto “tremolio delle stelle” (dovuto alle turbolenze atmosferiche) è minore rispetto a tutti gli altri luoghi terrestri. Nella base di Dome C (nella foto) in particolare il “seeing” (ovvero il livello con cui si misura la possibilità di vedere al meglio i corpi celesti) è 2,5 volte migliore del “seeing” di località dove sorgono i più importanti telescopi attivi nel mondo, vale a dire il deserto di Atacama in Cile e la cima del vulcano Mauna Kea sulla Big Island della Hawaii. In sostanza i ricercatori sostengono che l’immagine di una stella vista dal Polo Sud risulta essere 2,5 volte più nitida di qualunque altro luogo della Terra, e inoltre ben 6 volte più splendente. “È un po’ come paragonare una fotogr…

ENERGIA DALLO SPAZIO

Immagine
Un satellite che dallo spazio invia energia alla Terra. È l’avveniristico progetto su cui stanno lavorando dei ricercatori giapponesi. Lo strumento si baserebbe sull’attività di due pannelli solari di 1 chilometro di diametro, posizionati a 36mila chilometri dalla superficie del pianeta. Il calore dei raggi solari giungerebbe sulla Terra sottoforma di microonde, emesse da un’antenna della lunghezza di circa 900 metri, captate e in seguito “tradotte” in energia elettrica attraverso l’azione di gigantesche centrali operative. Queste ultime dovrebbero sorgere in aree lontane dai centri abitati, come il cuore degli oceani o dei deserti. L’energia prodotta equivarrebbe a quella di una centrale nucleare e i processi per il suo ottenimento, non avrebbero alcuna ripercussione negativa sull’ambiente: non è infatti richiesto lo smaltimento di scorie radioattive e non ci sarebbero problemi relativi alla produzione e al rilascio nell’atmosfera di anidride carbonica pesantemente nociva per l’effet…

Il biberon che fa male agli animali

Immagine
Biberon a volontà per i cuccioli di rinoceronte allevati negli zoo californiani, per i piccoli di canguro presenti in alcuni zoo tedeschi, e per gli orsi appena nati dei giardini zoologici russi: tutte creature che hanno perso i genitori e che senza l’intervento dell’uomo sarebbero destinate a morte sicura. C’è, però, un rischio. Che questi animali, una volta adulti, soffrano di una specifica sindrome che li porterebbe a non riconoscersi più nella specie cui appartengono, bensì in quella che si è presa cura di loro durante le prime fasi dell’esistenza, vale a dire quella umana. “È tutta una questione di odori - dicono i ricercatori. Nel senso che gli animali, rimangono “attaccati” al primo odore incontrato durante l’infanzia e non se ne staccano più. Se l’odore è quello di un uomo, penseranno di essere loro stessi degli uomini, e considereranno i loro simili degli estranei. Un problema spesso sottovaluto sul quale sono tornati anche gli specialisti che lavorano presso la Fondazione Bi…

Raggi ultravioletti per disinquinare fiumi e laghi

Immagine
In Usa si sta pensando di disinquinare fiumi e laghi con i raggi ultravioletti (UV). È la proposta di scienziati dell’Università del Maryland e del National Institute of Standards and Technology (NIST). Gli studiosi hanno, in particolare, messo a punto un sistema che consente di distruggere i bifenili policlorurati, sostanze chimiche molto pericolose per l’ambiente, che si ripercuotono sulla catena alimentare: dagli organismi marini, plancton e pesci, finiscono infatti nell’uomo dove possono provocare malattie serie come i tumori. Il sistema ideato dagli americani si basa sull’azione di raggi ultravioletti creati artificialmente e del tutto identici a quelli prodotti quotidianamente dal sole. A una determinata lunghezza d’onda (2540 angstrom, equivalenti a circa 254 nanometri), infatti, simili raggi sviluppano la loro azione disinquinante. I ricercatori hanno già verificato la loro efficacia in piccoli fiumi. Attualmente si sta cercando il modo per impiegarli su larga scala. Il sistem…

Calgary e Atlanta: le due città più veloci

Immagine
Approntata la prima mappa urbanistica della Terra, della quale ci si potrà servire per comprendere meglio il clima e l’impatto di una popolazione su un determinato territorio. La mappa, sviluppata da studiosi dell’Università di Boston avvalendosi di satelliti, ci dice che sono soprattutto le piccole città a crescere. Al contrario le grandi metropoli mantengono più o meno stazionaria la loro grandezza. Casi a parte: quelli di Shanghai in Cina e Johannesburg in Sudafrica dove il processo di urbanizzazione continua ad essere elevato. Città piccole che stanno diventando velocemente più grandi sono per esempio Calgary e Atlanta. Queste due hanno subito un incremento demografico del 25% dal Novanta a oggi. I dati sono stati raccolti dal Moderate Resolution Imaging Spectroradiometer (Modis) del satellite Terra della Nasa, e dal Defense Meteorological Satellite Program (Dmsp). Secondo Annemarie Schneider, a capo delle ricerca, le città non si ingrandiscono seguendo uno sviluppo casuale. Ma lo…

La carica dei centenari

Immagine
Verso un mondo di centenari. Sembra essere questo il destino dell’umanità, grazie ai progressi della medicina e al miglioramento delle condizioni ambientali. Solo nella città di Milano – che qualcuno si diverte già a chiamare la “città più vecchia d’Europa” – ce ne sono addirittura 547 (sono raddoppiati da una ventina d’anni a questa parte). Dal 1991 a oggi, invece, i milanesi di età compresa fra i 70 e i 90 anni sono passati da 162 a 240mila unità. Un aumento del 48%. Complessivamente in Italia sono quasi 10mila i centenari, numero destinato a incrementare da qui al 2050: per questa data, infatti, si prevedono 200mila persone che avranno passato il secolo di vita. Ma il Paese più longevo in assoluto non è l’Italia, bensì il Giappone. Qui la carica dei centenari fa davvero impressione: da pochi giorni ha superato le 40mila unità. Sono i dati diffusi dal ministero della Sanità, in occasione della ‘giornata del rispetto per gli anziani’. Una curiosità su tutte: ad arrivare ai cento anni…

Desertificazione: a rischio l'Italia meridionale

Immagine
Uno studio pubblicato da esperti dell’Università dello Utah afferma che la fascia tropicale si sta progressivamente espandendo in direzione dei poli in entrambi gli emisferi. È l’ennesima prova del cambiamento climatico in atto a livello mondiale. Per la precisione, dal 1979 ad oggi, i tropici hanno subito un ampliamento corrispondente a 2 gradi di latitudine, cioè circa 140 miglia. A ciò gli studiosi sono giunti analizzando l’andamento delle temperature corrispondenti alle medie latitudini nel corso degli ultimi 26 anni, riscontrando un aumento di circa 1,5 gradi Fahrenheit. Secondo gli scienziati non è possibile stimare con esattezza quelle che saranno le conseguenze di un simile evento, tuttavia se l’espansione proseguirà anche nei prossimi anni assisteremo a un notevole incremento delle aree desertiche, che si spingeranno anche nelle regioni densamente abitate delle medie latitudini. Secondo L’Onu attualmente il 39% circa della superficie terrestre è colpito da desertificazione. 2…

Il ghepardo più veloce del mondo è femmina e corre i 100 metri in 6,13 secondi

Immagine
Si chiama Sarah ed è l’animale terrestre più veloce del mondo. È un ghepardo femmina di otto anni che due giorni fa ha percorso 100 metri in appena 6,13 secondi. Il precedente record spettava a un altro ghepardo - Nyana, ospite in una riserva sudafricana - che nel 2001 ha percorso la stessa distanza in 6,19 secondi. Sarah ha ottenuto il suo record allo zoo americano Regional Cheetah Breeding Facility, più noto col nome di Mast Farm, che si trova a Cincinnati, in Ohio. Sarah, dunque, si gode un primato - registrato dal Road Running Technical Council americano Track & Field - che non sarà facile soffiarle. Lo scopo di queste iniziative - spiegano i responsabili di Mast Farm - è attirare l’attenzione sulla triste realtà dei ghepardi. Questi mammiferi infatti rischiano l’estinzione. Secondo i dati diffusi dall’Unione internazionale per la conservazione della natura oggi rimangono appena 10mila esemplari su tutto il pianeta. In particolare rischiano soprattutto due sottospecie, il ghep…

Agli albori del genere umano: viaggio fra le più antiche popolazioni della Terra

Immagine
Vivono come i nostri antenati migliaia di anni fa e non hanno alcun contatto con l’uomo moderno. Tradizioni antiche, religioni dimenticate, lingue che affondano le loro radici agli albori del genere umano... Stiamo parlando delle 13 etnie maggiormente a rischio di estinzione di cui si è occupata la rivista Geo. Il lungo viaggio tra queste popolazioni ancestrali - che nel giro di qualche generazione potrebbero far perdere per sempre le loro tracce - parte dai kamayura. Sono amerindi e vivono nella foresta amazzonica, in Brasile, lungo il corso del fiume Xingu, in caratteristiche abitazioni collettive ellissoidali dette “malocas”. Loro peculiarità è quella di essere ossessionati dalla cura del corpo. Per questo si sottopongono a frequenti salassi e a lunghi rituali concernenti l’abbellimento della propria figura con orecchini, piume, pitture corporee. Gli yali abitano le regioni più remote della Oceania. Dalle loro parti ci sono anche i kwaio e i dani. I primi sono cannibali. Per essi m…

Come diventare ricchi col test del Dna

Immagine
Sempre più americani si sottopongono al test del Dna. 99 dollari per sapere tutto di sé dal punto di vista genetico. Lo scopo? Ottenere benefici in ambito lavorativo, scolastico, medico e magari usufruire di cospicue eredità. Pearl Duncan, per esempio, statunitense di mezza età, discendente da schiavi giamaicani, tramite il test è venuta a sapere che nelle sue vene scorre anche sangue scozzese: il trisnonno di sua madre era infatti un anglosassone che commerciava schiavi. Il 10% del suo sangue è dunque britannico. In seguito ha scoperto che ha dei cugini in Inghilterra che hanno fondato un’importante compagnia petrolifera e possiedono 11 castelli. Ebbene la Duncan ha ora deciso di farsi avanti per avere anche lei la parte che le spetta. Ma non è solo per questioni legate all’ereditarietà che ci si sottopone al test del Dna. Per esempio c’è chi lo fa per ottenere un lavoro più redditizio. Individui dalla pelle bianca possono, per esempio, dimostrare di far parte di una minoranza etnica…

LE FOLLIE DEL VIRUS

Immagine
La nuova influenza non è poi così pericolosa. Dopo gli allarmi lanciati da più parti, ora le autorità ci dicono che non è il caso di farsi prendere dal panico. Anche il vice ministro alla Salute, Ferruccio Fazio, proprio ieri ha detto che «la malattia è più leggera del previsto» e che «in Italia alla fine della pandemia di casi gravi ce ne potranno essere un paio di centinaia». Mentre il ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini ha ribadito che «le lezioni partiranno regolarmente». Per gli studenti, poi sono stati “confezionati” alcuni consigli: lavarsi spesso le mani con acqua e sapone e contare fino a 20 prima di smettere; coprirsi la bocca e il naso con un fazzoletto di carta quando si tossisce o starnutisce e poi gettare subito il fazzoletto nel cestino; non scambiare oggetti o cibo con gli altri studenti; non toccarsi occhi, naso o bocca con le mani non lavate. Rassicurazioni, viene da dire, valide per qualunque influenza. E comunque la psicosi del contagio ormai è scattata, n…

Il primo europeo? Un asiatico vissuto quasi 2milioni di anni fa

Immagine
For generations, scientists have believed Africa was the cradle of mankind. Now an astonishing discovery suggests the human race may have spent a 'gap year' in Eurasia. Archaeologists have unearthed six ancient skeletons dating back 1.8 million years in the hills of Georgia which threaten to overturn the theory of human evolution. The discovery suggests that our primitive ancestors left Africa to explore the world around 800,000 years earlier than was previously thought before returning to their home continent. It was there - hundreds of thousands of years later - that they evolved into modern humans and embarked on a second mass migration, researchers say. The Georgian bones - which include incredibly well preserved skulls and teeth - are the earliest humans ever found outside Africa. The remains belong to a race of short early humans with small primitive brains who walked and ran like modern people. They were found alongside stone tools, animal remains and plants - suggestin…

SGUARDI BESTIALI

Immagine
Occhio di falco e vista da talpa. Così siamo soliti distinguere ironicamente una persona che vede bene da un’altra che ha problemi di vista. Ma come facciamo a sapere come vedono gli animali? Innanzitutto va detto che la visione sia negli animali sia negli uomini è resa possibile da cellule particolari presenti nella retina (parte dell’occhio sensibile alla luce): i fotorecettori. Ce ne sono di due tipi: i bastoncelli e i coni. I bastoncelli consentono la visione notturna, i coni - a loro volta suddivisibili in tre sottoclassi (vista tricromatica) - la visione diurna. La vista tricromatica è una prerogativa dell’uomo e di tutti i primati. Gli uomini hanno ben sviluppati i coni (e infatti vedono molto bene di giorno), ma poco sviluppati i bastoncelli. Al contrario, molte specie faunistiche, come gli ungulati (cervi e stambecchi), sono contraddistinti soprattutto da bastoncelli (fino al 90% di tutti i fotorecettori). Hanno solo due tipi di coni (e perciò una visione detta dicromatica) e…

Batteria e percussioni per vincere lo stress

Immagine
Mezz’ora di percussioni al giorno per vincere stanchezza e ansia derivanti dall’attività lavorativa. È la proposta del neurologo direttore del Mind–Body Wellness Center in Pennsylvania (USA) Barry Bittman. Lo scienziato ha condotto uno studio su 112 lavoratori, tutti impiegati presso il centro americano (una casa di cura) e sottoposti a ritmi snervanti. Ha scoperto che se a fianco dell’attività lavorativa si predispongono anche attrezzature per suonare tamburi, djambe, e altri strumenti simili le condizioni di salute degli impiegati migliorano sensibilmente. Ai test sono stati sottoposti infermieri, dietologi, cuochi e addetti all’amministrazione. Nessuno di essi aveva mai toccato uno strumento prima d’ora. Ai partecipanti all’esperimento è stato chiesto di ritmare il proprio nome e quello degli altri e in seguito di esprimere le proprie emozioni attraverso la musica. Risultato: nel 50% dei soggetti analizzati si è avuta una notevole riduzione complessiva dei fenomeni legati al cattiv…

Un colpo d'occhio per riprodurre (nei minimi dettagli) la mappa di una città

Immagine
Si chiama Stephen Wiltshire, ha 32 anni e vive a Londra. Ammalato di autismo da quando aveva tre anni possiede una dote unica: è in grado di riprodurre la mappa di una città vedendola una sola volta, in volo su un aereo o girandola semplicemente in automobile. Ora i media si stanno accorgendo di lui e le sue opere cominciano ad avere un grande successo. Il cervello di Wiltshire è stato analizzato dai medici anglosassoni: l’uomo non solo ha una memoria visiva eccezionale, ma è anche dotato di notevoli capacità artistiche. Nella scala dell’intelligenza elaborata da David Wechsler (1980) che stima le abilità di ognuno alle prese con matite e pennelli, Wiltshire raggiunge i livelli più alti. Wiltshire e un’equipe di scienziati hanno sorvolato la città di Londra per una breve ricognizione. Al termine del viaggio è stato chiesto all’uomo di disegnare ciò che aveva appena visto. Lo stupore è stato grande: in tre ore Wiltshire ha messo nero su bianco strade, case e viottoli. Scala e proporzio…

Sette minuti con una bella donna e il cervello degli uomini va in tilt

Immagine
Bastano sette minuti per mandare in tilt il cervello di un uomo alle prese con una bella donna. Stando infatti alle conclusioni di alcuni ricercatori olandesi ci sono casi in cui gli uomini – quando chiacchierano con una affascinante esponente del gentil sesso - arrivano addirittura a dimenticare il proprio indirizzo di casa. Dunque lo studio suggerisce che, soprattutto sul posto di lavoro, avere a che fare con signore e signorine particolarmente graziate, potrebbe essere controproducente per il rendimento complessivo. Curioso, però, notare che la stessa cosa non accade nelle donne: queste ultime, infatti, alle prese con un uomo conturbante, riescono a mantenere vigile e attivo il cervello. La ricerca pubblicata sul Journal of Experimental and Social Psychology è stata condotta su 40 individui. Gli esperti hanno sottoposto i partecipanti all’esperimento a test mnemonici prima e dopo l’incontro con una donna particolarmente attraente. Si è così visto che, effettivamente, dopo aver parl…

Corpo simmetrico, garanzia di salute e fertilità

Immagine
Un corpo simmetrico in una donna non è solo garanzia di bellezza ma anche di fertilità. Lo dicono studiosi dell’Università di Harvard. Gli esperti hanno evidenziato che le donne con un corpo caratterizzato da simmetria regolare presentano un sistema immunitario più funzionale e soprattutto una maggiore concentrazione dell’ormone estradiolo: l’estradiolo è il principale ormone estrogeno prodotto dalle ovaie durante il ciclo ed è sintetizzato principalmente dalle cellule della teca della granulosa dell’ovaio e dal testicolo e in minima parte dalla corteccia surrenalica. Lo studio è stato condotto su 200 donne di età compresa tra i 24 e i 36 anni. Difficile capire il legame che c’è tra simmetria e fertilità, tuttavia un dato è certo: in biologia il concetto di simmetria è spesso associato ad aspetti positivi della natura umana. Un esempio su tutti: la divisione cellulare. Da una cellula madre si originano due cellule figlie perfettamente simmetriche. Nell’embrione, la simmetria con cui a…

Dicembre 2012: ecco gli scenari più o meno plausibili

Immagine
Si parla tanto della fine del mondo fissata (secondo il calendario Maya) per il mese di dicembre del 2012. Indubbiamente si tratta di una profezia male interpretata, in ogni caso ecco quali sono i rischi reali per la Terra per i prossimi anni (utilizzando una scala da 0 a 10): si va dall'attacco alieno, alla terza guerra mondiale, dal collasso delle api, alla collisione fra pianeti...

1. Alien invasion/government confirmation of extraterrestrial contact
Where do you start? Alien invasion has been the subject of great works of fiction since HG Wells published War of the Worlds in 1898. Fear of such an attack, be it from Mars, a species from outside our galaxy or beings from other dimensions, tends to wax and wane with the general state of anxiety on Earth - researchers have found that fear of attack by aliens tends to rise at times of heightened fear about more terrestrial threats. Believers cite increasing numbers of UFO sightings, the supposed crash of a disc at Roswell, New Mexico…