Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2010

Cioccolato, nocciola, limone. I gusti gelato preferiti dagli italiani

Immagine
Estate, tempo di gelati. Ma quali sono i gusti preferiti dagli italiani? Secondo Coldiretti i più gettonati sono cioccolato e nocciola. Subito dopo limone, fragola, crema e stracciatella. In netto calo i cosiddetti "gusti artificiali" come il puffo. Mentre sopravanzano quelli più particolari, ottenuti da prodotti caratteristici, tipo bergamotto, vino Recioto, pistacchio di Bronte. Tra le novità si possono citare il gelato di latte d'asina. In generale i gusti a disposizione degli italiani saranno circa 600, comprese "assurdità" tipo pizza, fonduta, sedano, spinaci, prosciutto e mortadella. Complessivamente saranno attive 36mila gelaterie. La bella stagione si sta facendo desiderare, tuttavia si stima che nel 2010 gli italiani spenderanno quasi 2miliardi di euro per questo tipo di prodotto. I consumi più alti si registreranno al nord (54%), dove, peraltro, il gelato costa di più. In particolare la città più cara in assoluto è Milano. Secondo i nutrizionisti il g…

Api, vespe, calabroni. Come difendersi dalle loro punture

Immagine
Con il loro pungiglione possono anche condurre alla morte, ma per fortuna oggi sono numerosi gli interventi possibili per contenere l’azione d'insetti tipici della stagione estiva come api, vespe e calabroni. Le stime parlano di circa cinque milioni di italiani che annualmente vengono punti da un imenottero: nell’80% dei casi si percepisce semplicemente un dolore acuto al momento della puntura, mentre per due persone su dieci il problema si fa più serio: al dolore, che perdura per parecchie ore, subentra anche un notevole gonfiore della parte colpita. L’1% è addirittura allergico al veleno di api e simili, e in questo caso il rischio si chiama shock anafilattico, fenomeno che se non viene opportunamente trattato può provocare il decesso: nonostante i progressi della medicina, e le numerose strategie per tenere lontane le punture di insetto, sono ancora oggi una decina le persone che in media in Italia perdono la vita per il veleno di un imenottero. Ma cosa si può fare per evitare …

GENERAZIONE ZIRTEC (II)

Immagine
Temperature e allergie

La causa delle allergie può risiedere anche nell'incremento medio delle temperature su scala mondiale. Sotto accusa, in questo caso, l'effetto serra. Secondo gli esperti il caldo eccessivo allunga la stagione dei pollini e, di conseguenza, la durata e l'intensità delle allergie. Stando ai dati diffusi dall'American Academy of Allergy, Asthma & Immunology di New Orleans, tra il 1981 e il 2007 c'è stato un anticipo dell'avvio della stagione dei pollini a livello mondiale. La stagione di impollinazione della parietaria giunge 80 giorni prima; 30 giorni prima per gli alberi di olivo; 40 giorni per la betulla; un paio di giorni per il nocciolo. "Negli ultimi 27 anni abbiamo osservato un costante aumento della percentuale di soggetti sensibili al polline di olivo, parietaria e cipressi", affermano i ricercatori americani, "mentre è rimasto invariato quello degli allergici alla polvere".

Rischio inquinamento

In certi casi, i…

GENERAZIONE ZIRTEC (I)

Immagine
In una scuola palermitana gli studenti allergici alla parietaria sono aumentati in due anni del 63%. Nelle scuole superiori romane il 18% dei ragazzi presenta problemi cronici di rinite e ostruzione nasale. In Lombardia i bambini asmatici sono oltre 130mila: la sola provincia di Milano ne conta 53mila, di cui 2.500 gravi. Complessivamente, in Italia, il 10% dei bimbi sotto i 14 anni soffre di asma bronchiale, nell'80% dei casi provocata da allergia; il 20% di rinite allergica; il 10% di dermatite atopica. Sono i dati raccolti da una serie di studi recentemente condotti in Italia, riguardo una malattia che - nonostante i progressi della medicina e della scienza - continua a colpire sempre più persone, specialmente in giovane età: l'allergia.

I numeri di una malattia sociale

Le malattie allergiche sono in costante aumento in Italia e nel mondo e occupano il sesto posto fra le patologie croniche più frequenti. Nel Belpaese, dal 1950 a oggi, gli allergici sono passati dal 10% al 30%…

Diete, zanzare, shiatsu (e la mia intervista a Rita Dalla Chiesa) sull'ultimo numero di OkSalute

Immagine

Pipì a letto? Un disturbo per un bimbo su cinque

Immagine
L’enuresi notturna? È un disturbo molto più comune di quanto non si pensi. Ne soffre un piccolo di cinque anni su cinque, e in certi casi coinvolge addirittura l’adolescente, con ripercussioni di natura psicologica. È ciò che emerge da un articolo pubblicato su OkSalute (Rcs editore). L’enuresi consiste nella perdita involontaria e completa di urina durante il sonno, in un’età in cui la maggior parte dei bambini ha ormai acquisito il controllo degli sfinteri. Secondo alcuni esperti per diagnosticare il disturbo è necessario un periodo di osservazione di almeno due settimane durante le quali il bimbo deve bagnare il letto per almeno tre volte a settimana; per altri, invece, l’osservazione va protratta per tre mesi con almeno due notti bagnate in sette giorni. Le cause? Un ritardo di maturazione della vescica: in particolare il riferimento è alla ritardata maturazione dello sfintere vescicale, un piccolo muscolo che funziona da valvola della vescica e che impedisce alla pipì di fuoriusc…

Il cervello di una persona creativa funziona come quello di uno schizofrenico

Immagine
Da sempre si parla del rapporto fra genio e pazzia. Oggi c'è anche la prova scientifica. Degli studiosi hanno, infatti, visto che per alcuni versi il cervello di una persona creativa funziona come quello di uno schizofrenico. In particolare gli esperti dell'Istituto svedese Karolinska hanno verificato che pittori (nella foto Picasso), musicisti, e scrittori, presentano spesso una carenza dei recettori del neurotrasmettitore dopamina in corrispondenza del talamo, area cerebrale che fa da filtro alle informazioni dirette alla corteccia cerebrale. Quando questo filtro funziona male, il cervello smette di funzionare come dovrebbe, "liberando" la creatività. In altre occasioni s'è messo in relazione il disturbo da attacchi panico con la "genialità". In questo caso è emerso che le persone soggette a DAP, presentano una creatività superiore alla norma. Gli psicologi ritengono il disturbo da attacchi di panico una vera e propria porta verso ciò che Jung chiama …

La piramide vivente di Huaca Colorada

Immagine
Scoperta in Perù una piramide di 1400 anni risalente all'epoca Moche. A differenza di tutte le altre costruzioni di questo tipo, non era utilizzata solo per il culto dei morti, ma anche per azioni legate alla vita quotidiana. Al suo interno - insieme a vari resti umani - sono infatti stati trovati anche manufatti, dipinti murali e molti altri oggetti che attesterebbero una assidua frequentazione del luogo, indipendente dalle cerimonie per i defunti. Edward Swenson dell'Università di Toronto è giunto alla scoperta della nuova piramide dopo aver osservato per vario tempo una collina "sospetta": "Sapevo che era più di una collina naturale", dice lo studioso, "doveva essere stata modificata artificialmente". La piramide individuata a Huaca Colorada era caratterizzata da un nucleo abitativo alla sommità in grado di ospitare fino a 25 persone. Gli archeologici hanno evidenziato vari locali dedicati alla vita di tutti i giorni: una cucina, un magazzino, …

Tutti i misteri di Kazzenger

Paolo Attivissimo l'ha già preso di mira in più di un'occasione, smascherando, per esempio, alcuni servizi dedicati agli ufo. In effetti, più di un dubbio sorge seguendo le puntate di Voyager condotte da Roberto Giacobbo. Ora ci si mette anche Crozza, in modo decisamente meno "scientifico", ma molto, molto, divertente. Forse non è questa la sede esatta per diffondere certi video, in ogni caso oggi è una bellissima giornata di sole… e anche Spigolature può concederci un piccolo strappo alle regole.

L'ESTATE DELLE ZANZARE TIGRI

Immagine
Colpa delle abbondanti piogge succedutesi negli ultimi mesi, quest'anno le zanzare saranno più nocive del solito. Il clima umido ha, infatti, creato l'ambiente ideale per la loro riproduzione: un solo insetto è in grado di farne nascere altri mille nel giro di un mese. A impensierire di più saranno le zanzare tigri che, a differenza di quelle tipicamente notturne, caratteristiche delle nostre regioni, si riproducono ovunque, anche in minuscoli specchi d'acqua (vasi, sottovasi, grondaie), dove il numero di predatori è particolarmente basso. La loro attività dura l'intera giornata e si svolge in un raggio di azione inferiore ai 200 metri. Contrariamente a quanto si pensa non corrispondono a una mutazione genetica di quelle normali (Culex pipiens), ma sono il risultato della conquista di nuove nicchie ecologiche, dovuto agli spostamenti dell'uomo e al progressivo incremento delle temperature. Le zanzare tigri sono arrivate in Italia fra la fine degli anni Ottanta e l&…

La radioattività? Si trasmette come una malattia infettiva

Immagine
Una persona colpita da radiazioni può rendere radioattivo un altro essere umano e provocargli le sue stesse malattie? È la domanda che si sono posti degli studiosi statunitensi e la risposta sembra essere affermativa. Tempo fa erano stati condotti degli esperimenti su cellule umane in laboratorio: dai test emergeva che la radioattività poteva essere potenzialmente trasmissibile anche tra esseri viventi, ma mancava una prova concreta. Ora questa prova arriva da esperimenti condotti sulle trote. Gli scienziati hanno bombardato una coppia di trote con raggi X, per poi metterle a contatto con un’altra coppia di trote sane, mentre nella vasca dapprima occupata dai pesci radioattivi venivano lasciati liberi altri due esemplari ittici della medesima famiglia. Dopo qualche settimana, gli scienziati hanno prelevato campioni tessutali dai diversi animali coinvolti nei test, e hanno visto che in ognuno di essi c’erano cellule morte a causa di elementi radioattivi, e la presenza di proteine spia …

Creata in laboratorio la prima cellula artificiale

Immagine
Ricercatori americani guidati dal celebre Craig Venter (sempre più rockstar e sempre meno scienziato, nella foto) hanno creato in laboratorio la prima cellula batterica artificiale, un risultato giudicato dallo stesso Venter eccezionale: "Pensiamo sia davvero un traguardo importante, sia dal punto di vista scientifico che filosofico", rivela Venter. "Di sicuro ha cambiato il punto di vista sulla definizione della vita". Il passo successivo sarà quello di creare artificialmente un organismo vivente a tutti gli effetti, programmato per funzioni ben precise. "Abbiamo in mente un grandissimo numero di possibili applicazioni". Gli scienziati stanno per esempio pensando alla nascita di batteri salva-ambiente, microrganismi creati in laboratorio che potrebbero ripulire terreni e acque da agenti inquinanti; ad alghe in grado di assorbire anidride carbonica, contrastando i danni dell'effetto serra; a microbi che potrebbero produrre vaccini. La prima cellula ar…

Un passo in più verso la comprensione delle misteriose "ball lightning"

Immagine
Svelato il mistero dei fulmini globulari che spesso si "materializzano" in cielo durante i temporali. Non sarebbero altro che allucinazioni dovute alla capacità dei campi magnetici di influenzare l'attività cerebrale. A questo risultato sono giunti degli studiosi dell'Università di Innsbruck. Gli esperti hanno condotto dei test in laboratorio, facendo girare intorno alla testa di due volontari una bobina attraversata da corrente elettrica. I soggetti durante l'esperimento hanno ammesso di aver visto fili di luce e "balle luminose": la prova che determinate 'visioni' sono direttamente connesse a condizioni in cui l'atmosfera è satura di elettricità.

I fulmini globulari (in inglese "ball lightning") rappresentano uno fra i fenomeni atmosferici più enigmatici, su cui sono stati compiuti numerosi studi a partire dal Cinquecento. Nel corso degli anni sono stati associati alle situazioni più strane concernenti ufo, fantasmi, illusioni ott…

Lotta al "cazzeggio" in ufficio

Immagine
Ambiente di lavoro. All'improvviso internet inizia a battere in testa, i siti si aprono con difficoltà, la posta fa le bizze, il messaggio che stavamo spedendo s'impalla e dobbiamo rifare tutto daccapo. Cosa succede? Molto semplice: troppi dipendenti si stanno facendo gli affaracci propri, con Youtube, Facebook, Twitter e chi ne ha più ne metta. Stando infatti alle notizie diffuse da enti specializzati nello studio del traffico online, sempre più spesso negli uffici ci si diverte con i tanti servizi offerti dal web, dimenticandosi del lavoro da svolgere, e soprattutto mandando in crisi la Rete "locale" e i tanti dipendenti che di essa si servono per far girare gli affari. Con i social network va alla grande anche la posta tradizionale dei vari Libero, Alice, Virgilio, Tiscali... In Usa si è stimato che nel 2009 i dipendenti della aziende hanno impiegato in media il 40% della propria giornata lavorativa per inviare e ricevere circa duecento messaggi. Adesso però sempr…

Da un enzima batterico il segreto per digerire il sushi

Immagine
I giapponesi amano il sushi e lo digeriscono senza problemi perché il loro apparato gastrointestinale è caratterizzato da un enzima specifico, in grado di scindere i carboidrati complessi delle alghe. Questo enzima viene prodotto da un batterio chiamato "Bacteroides plebeius", una specie di ogm naturale, che ha acquisito nuove informazioni trasferendo sul suo genoma geni provenienti dal genoma dei batteri marini (Zobellia galactanivorans). "Il trasferimento orizzontale di geni ai microbi dell'intestino è stato ipotizzato in molti casi", racconta Mirjam Czjzek, chimica della Marie Curie University di Parigi. "Questa però è la prima volta in cui si evidenzia un batterio che guadagna una nuova nicchia ecologica grazie a un pezzettino di Dna acquisito attraverso il contatto con altri microrganismi ingeriti insieme al sushi". La ricerca condotta dagli esperti della Station Biologique de Roscoff rivela che questo particolare batterio è presente negli orient…

L'elisir di lunga vita in una pillola in commercio dal 2012

Immagine
Farmaci in grado di farci vivere fino a cent'anni. Cominceranno ad essere ufficialmente testati sull'uomo dal 2012. È ciò che emerge dal meeting annuale della Royal Society. Basterà ingerire una pillola al giorno per modificare alcune tare genetiche e contrastare malattie come il diabete e i tumori, patologie tipicamente legate all'invecchiamento. Gli scienziati dell'Albert Einstein College di New York focalizzano la loro attenzione su una particolare famiglia di proteine, le 'sirtuine', e su enzimi specifici come il Cetp, che influenzano i livelli di colesterolo buono e quindi la buona salute cardiovascolare. Gli specialisti dicono che la longevità dipende soprattutto dai geni (e poco o nulla dall'influenza dell'ambiente esterno). "Le persone che muoiono a 70, 80 anni, nella maggior parte dei casi trascorrono gli ultimi anni di vita malati", rivela Nil Barzilai, a capo dello studio. "Chi invece arriva ai 100 spesso resta sano fino alla f…

Le donne che sposano uomini più giovani campano meno delle altre

Immagine
Le donne che scelgono un partner di vita della loro età, vivono più delle altre che si fidanzano con uomini più vecchi o più giovani. È il risultato di uno studio effettuato da scienziati del Max Planck Institute for Demographic Research di Rostock, in Germania. Fino a oggi si pensava che il rapporto migliore dal punto di vista salutare per una coppia, fosse quello in cui l'uomo è molto più vecchio della donna. In questi casi, infatti, lui garantisce a lei più agi, mentre lei migliora il suo rendimento psichico che poi si ripercuote anche sul piano fisico. Oggi, però, questa tesi sarebbe da sfatare. "Questa teoria, almeno per ciò che riguarda le donne, è da riconsiderare", dice Sven Drefahl, a capo dello studio. "Maggiore è la differenza d'età fra i due, più bassa l'aspettativa di vita". La ricerca ha messo in luce che le donne che sposano mariti dai 7 ai 9 anni più giovani di loro, vanno incontro a un rischio di mortalità superiore del 20% rispetto a q…

Il più bel cielo blu? E' quello di Rio de Janeiro

Immagine
Cantava negli anni Ottanta Rino Gaetano, celebre cantautore romano: “Ma il cielo è sempre più blu”. E allora ci chiediamo: dove è davvero più blu il cielo? La risposta arriva da una scienziata inglese che da tempo collabora con il National physical laboratory in Inghilterra: il cielo più blu in assoluto si trova a Rio de Janeiro, in Brasile. A seguire ci sono quello della Nuova Zelanda, poi delle isole Fiji, e del Sudafrica. E in Italia? Il nostro Paese è al sedicesimo posto. Per giungere a questo risultato Anya Hohnbaum ha girato il mondo in lungo e in largo per 72 giorni con una super macchina fotografica. Con essa ha immortalato il cielo di venticinque località, tra cui Amalfi. Alla fine ha messo il risultato del suo lavoro a confronto con alcune tabelle colorimetriche, ottenendo la curiosa classifica. Ma da cosa dipende il colore blu del cielo? Secondo gli scienziati è la conseguenza dall’azione svolta dai raggi solari a contatto con le particelle presenti nell’atmosfera. La luce …

Giove perde una delle sue 'strisce rosse'

Immagine
Giove, il più grande pianeta del sistema solare, cambia faccia. Recentemente degli astronomi hanno infatti verificato che una delle due grosse bande colorate che lo contraddistinguono - quella a sud - è scomparsa. La scoperta è stata compiuta da un astronomo dilettante australiano il 9 maggio. Ancora non si conosce il motivo del fenomeno, tuttavia gli scienziati della Nasa pensano che possa trattarsi di un particolare gioco di nubi che avrebbe "nascosto" la striscia colorata che sovrasta l'emisfero meridionale del pianeta. Secondo Glenn Orton del Jet Propulsion Laboratory della Nasa a Pasadena, il curioso fenomeno astronomico sarebbe ciclico, e si verificherebbe ogni 15 anni, in corrispondenza di particolari movimenti atmosferici. Ci si è accorti la prima volta nel 1973, grazie alla missione della sonda Pioneer 10 della Nasa; poi a metà degli anni Novanta il bis. Giove è uno degli oggetti più brillanti del cielo notturno. La sua massa corrisponde a 2,468 volte la somma d…

Piogge e temporali. E' allarme in mezza Italia

Immagine
Le gravi condizioni di maltempo stanno mettendo in ginocchio l'agricoltura lombarda. "I campi annegano", rivelano i tecnici di Confagricoltura. Mais e cereali stanno subendo ritardi impensabili nella semina. 254mila gli ettari dedicati alla coltivazione del granoturco, ma è stato seminato solo il 90% del primo raccolto, in molti casi non ancora il secondo. Grave la situazione anche per il riso: ne è stato seminato solo il 40%. Colpite soprattutto le provincie di Como, Varese, Lodi, Lecco. Nel cremonese è, invece, allarme ortaggi: molti terreni dedicati alla coltivazione di pomodori, cocomeri e meloni, sono completamente allagati. In Valtellina l'acqua ha iniziato a scendere lungo i costoni mettendo a dura prova la tenuta dei vigneti. Impensieriscono anche gli attacchi di funghi e insetti che con gli sbalzi di temperatura sovrabbondano. Problemi anche per le vie di comunicazione e le infrastrutture: in alcune cascine lombarde sono crollati i tetti e le serre sono stat…

In pista a Monza in favore dell'ambiente

Immagine
L'autodromo di Monza si trasforma in un laboratorio hitech. L'appuntamento è per il 27 maggio per la terza edizione della manifestazione Aria Nuova che proseguirà fino al 30 del mese. Gli esperti del Monza Research Institute illustreranno nuove tecnologie per carburanti alternativi e parleranno di infomobilità nel traffico. Tra le migliori proposte del team monzese, in collaborazione con Telematics Solutions e Motivegeeks Labs, il "casco elettronico". Si tratta di un accessorio per motociclisti caratterizzato da un sistema di rilevamento Gps, trasmissione Gprs, bluetooth, e radiofrequenza. Un accelerometro interno avverte di eventuali inclinazioni repentine o urti, attivando la cosiddetta funzione "uomo a terra": parte un segnale che giunge ai soccorritori della centrale di controllo (118, polizia stradale) che entrano in azione se il motociclista non risponde al messaggio di pronto intervento. C'è anche la funzione "panico', utilizzabile dal p…

Spigolature Scientifiche al 27esimo posto della classifica WIKIO

Immagine
Salve,

ho il piacere di annunciarti che il tuo blog Spigolature Scientifiche è appena entrato nella classifica Scienza di Wikio alla 27esima posizione! Wikio è il primo sito europeo d'indicizzazione di blog, con oltre 200.000 fonti, ripartite in varie classifiche tematiche. Per mostrare ai tuoi lettori la tua posizione e evoluzione nella categoria Scienza direttamente sul tuo blog, puoi aggiungere il Badge Top Blog. Questo viene automaticamente aggiornato ogni mese.

Grazie in anticipo e se hai delle domande non esitare a contattarmi.

Buona giornata,

Florie

Community Manager @ Wikio IT


Da Wikipedia, l'enciclopedia libera:

Wikio è un motore di ricerca di news compilato direttamente dai propri utenti. Monitora migliaia di fonti d'informazione, estraendo in particolare in tempo reale le notizie di agenzia che classifica tematicamente per poi archiviarle in un database di milioni di documenti. L'archiviazione degli articoli si basa sulla pertinenza delle notizie e della popolarità…

Banda larga in tutt'Italia. Il futuro è alle porte

Immagine
La fibra ottica a Milano? Potrebbe diventare per tutti una realtà entro Expo 2015. Stando, infatti, alle dichiarazioni rilasciate dagli amministratori locali, Palazzo Marino avrebbe raccolto la sfida di Telecom, promettendo nuove regole per la realizzazione di case e uffici: tutti saranno dotati di fibra ottica. Costruzioni nuove e vecchie. Il progetto è legato al Piano di governo del territorio (Pgt) sul quale si sofferma l'assessore all'Urbanistica Carlo Masseroli, sostenendo che l'adottamento della banda larga "può rappresentare la spinta decisiva affinché Milano possa fare entro breve quel salto che la renderà una metropoli all'avanguardia". L'argomento è stato affrontato in questi giorni anche dai tre principali operatori alternativi a Telecom, Fastweb, Wind e Vodafone. Gli amministratori delegati delle tre società hanno annunciato un paio di giorni fa un piano per creare una nuova rete in fibra ottica per fornire alle case degli italiani accessi int…

Il mistero della bambina che non invecchia mai

Immagine
L'hanno soprannominata la ragazza che non invecchia mai. Per questo, un team di scienziati americano, intende far luce sulle sue caratteristiche genetiche, in modo da comprendere il segreto dell'invecchiamento umano e sviluppare nuove terapie per fronteggiare tipiche malattie della terza età come l'Alzheimer e il Parkinson. Brooke Greenberg ha diciassette anni ma vive nel corpo di una bimba di appena 1 anno: è alta 75 centimetri, pesa 7 chili, e ha ancora i denti da latte. Gesticola, si fa capire, percepisce i suoni, ma non spiaccica parola. Appena nata - a Reistertown, vicino a Baltimora, negli Stati Uniti - sembrava una bimba normalissima, poi però sono subentrati numerosi problemi di salute che hanno obbligato i genitori a rivolgersi ad alcuni specialisti: la piccola è spontaneamente guarita da un tumore al cervello e da 7 ulcere perforanti. In breve si accorgono che la bambina non cresce come dovrebbe. Le uniche parti anatomiche a svilupparsi regolarmente sono le unghi…

La giustizia umana? E' scritta nell'area dorsolaterale della corteccia prefrontale

Immagine
Il senso di giustizia, esclusivo della razza umana, è il frutto del funzionamento di una precisa area cerebrale: l’area dorsolaterale della corteccia prefrontale (DLPFC). L'hanno scoperto degli studiosi dell’Università di Zurigo. Gli scienziati, per giungere a queste conclusioni, si sono avvalsi di uno strumento specifico chiamato “ultimatum game”. Un individuo viene messo nelle condizioni di ricevere una somma di 20 dollari e di poterla elargire – nella misura che crede – a un suo simile. Il protagonista del test può offrire anche solo un dollaro al compagno, tuttavia solo se quest’ultimo accetta, entrambi possono beneficiare del denaro. Secondo Ernst Fehr, a capo della ricerca, ogni persona dovrebbe teoricamente prendere per buona qualsiasi proposta, visto che anche un solo dollaro, se confrontato con ciò che si ottiene rifiutando, vale a dire nulla, è un guadagno. In realtà il test ha evidenziato che quasi nessuno si rassegna a ottenere una somma bassa, un tot “moralmente” inac…

"Volandia", 60mila metri quadrati dedicati alla storia dell'aeronautica italiana

Immagine
Viene oggi inaugurato nei pressi dell'aeroporto di Malpensa il Parco e Museo del Volo "Volandia". Si tratta di una struttura interamente dedicata al mondo del volo e degli aerei. Copre un'area di 60mila metri quadrati e sorge sulle storiche Officine Aeronautiche Caproni fondate esattamente cento anni fa, a circa cinque minuti a piedi dal Terminal 1. Il via al progetto, dopo il successo del Preview del Parco e Museo del Volo che, dalla fine del 2007 a oggi, ha coinvolto ben 30mila visitatori e moltissime scolaresche. Volandia ospita vere e proprie "chicche" per gli amanti dell'aeronautica e per tutti coloro che, in generale, provano brividi freddi ogni volta che si presenta la possibilità di volare o semplicemente toccare con mano mezzi volanti che hanno fatto la storia. Tra queste, in primis, il Caproni Ca. 1, il più antico aereo conservato in Italia, risalente al 1910. Lungo 9,86 metri, ha un'apertura alare di 10,50 metri e pesa 550 chilogrammi. È …

Troppo lavoro e anche il cuore delle donne va in tilt

Immagine
Non sono solo gli uomini a stressarsi sul posto di lavoro, al punto da andare incontro a seri disturbi cardiovascolari. Ora una ricerca compiuta da esperti danesi e pubblicata sulla rivista Occupational and Environmental Medicine rivela che il fenomeno riguarda sempre più spesso anche il gentil sesso. In media le donne sotto pressione presentano un 50% di probabilità in più di andare incontro a problemi coronarici, anticamera di malattie come l'infarto. La percentuale decresce al diminuire dello stress lavorativo. Per arrivare a questi risultati gli scienziati hanno coinvolto 12.116 infermiere di età compresa fra i 45 e i 64 anni: lo studio è iniziato nel 1993 e si è concluso nel 2008. A distanza di 15 anni 580 donne erano state ricoverate in ospedale per malattie cardiache, 138 per attacco di cuore, 369 per angina pectoris, 73 per altri disturbi cardiovascolari. "L'età media dei problemi cardiaci nelle donne si sta spostando sempre più verso il basso", rivela oggi s…

Scoperto il gene del superatleta

Immagine
Scienziati dell'Irccs Istituto ortopedico Galeazzi di Milano hanno individuato un gene che consente prestazioni sportive superiori alla media. Non a caso è presente in misura doppia negli atleti professionisti. Secondo i ricercatori la prerogativa di questo gene è quella di far recuperare con maggiore velocità le energie perse durante un esercizio fisico. In particolare gli esperti hanno evidenziato un'interessante collegamento fra il recettore del gene dell'Interluchina 1, la molecola responsabile dell'infiammazione dell'apparato muscolare dovuta all'attività sportiva, e il rendimento fisico di un organismo. In pratica chi ha un massiccio corredo di Interluchina 1 ha più resistenza degli altri, può allenarsi per più tempo, e recupera prima. Lo studio pubblicato su "Bmc Medical Genetics" ha coinvolto 205 atleti, 53 professionisti e 152 dilettanti. In realtà spiegano gli specialisti, non è questa la prima volta che vengono individuate molecole direttam…

Colori e psicologia: una storia vecchia come il tempo

Immagine
Alcuni preferiscono il blu, altri il verde o il rosso. Ma cosa ci porta a prediligere un colore anziché l'altro? Secondo un team di scienziati dell'University of California di Berkeley il fenomeno è frutto dell'evoluzione e delle singole emozioni suscitate da un particolare colore. Alcuni colori piacciono meno perché vengono istantaneamente associati ad aspetti poco gradevoli del vivere quotidiano. Per il esempio il marrone, difficilmente viene messo ai primi posti della classifica dei colori preferiti, perché ricorda prodotti di rifiuto del metabolismo o il cibo in decomposizione. Al contrario piace molto il blu perché ci riporta al cielo, con la sua idea di purezza e libertà. Fa molto anche l'affettività, più o meno conscia nei riguardi di oggetti o prodotti caratterizzati da tinte peculiari: per esempio gli interisti sono portati a prediligere sempre e in ogni caso il colore nero e azzurro, caratteristico della maglia del club di via Durini. Secondo gli scienziati l…

Logica booleana, effetto anaglafico e particella di Higgs, nel nuovo numero di Newton in edicola

Immagine

Riprodotta in laboratorio l'emoglobina dei mammut

Immagine
Da tempo si parla dell'idea di riportare in vita i mammut, i giganteschi pachidermi che popolarono le regioni euroasiatiche migliaia di anni fa. Non ci siamo ancora riusciti, tuttavia un piccolo (grande) passo in questa direzione è stato recentemente compiuto da un team di ricercatori dell'Australian Centre for Ancient Dna dell'Università di Adelaide. Gli scienziati australiani hanno infatti ricreato l'emoglobina degli antichi animali, proteina fondamentale nel trasporto dell'ossigeno e quindi dell'ossigenazione di tutte le aree del corpo di un mammifero. S'è visto che è molto diversa da quella umana e consentiva un'ossigenazione maggiore dell'organismo, prerogativa fondamentale per vincere le gelide temperature dell'emisfero nord. Per arrivare a questo risultato gli scienziati hanno convertito le sequenze Dna dell'emoglobina del mammut in acido ribonucleico, iniettando normali batteri E.Coli che hanno fatto ricrescere l'autentica protei…

Troppi film con attori che fumano. Insorgono i medici

Immagine
In un film su dieci sono presenti scene di persone compiaciute di accendersi e fumarsi una bella sigaretta. È il dato emerso dalle pagine della rivista 'Thorax'. I medici, per questo, lanciano l'allarme. In particolare gli esperti dell'Università di Nottingham affermano che molti film potrebbero influenzare negativamente il comportamento dei più giovani. Il problema era già stato sollevato due anni fa dagli scienziati dell'Università della California sulle pagine del 'Tobacco Control Journal'. Nella ricerca gli esperti avevano reso noto lo stretto legame fra case produttrici di sigarette e star hollywoodiane del calibro di Humphrey Bogart. Tra i film presi in considerazione, invece, nel nuovo studio ci sono per esempio 'Il diario di Briget Jones' nel quale gli specialisti hanno messo in luce ben 15 scene in cui la protagonista ha a che fare con una "bionda". Mentre Hugh Grant nel film "Un ragazzo" si accende 12 sigarette. In ogni…