Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2013

Influenzati da Twitter

Immagine
Sarà che in questi giorni l'influenza imperversa anche fra le mura di casa mia… che c'è, dunque, di meglio di questo pezzo appena elaborato per Lettera43? Riguarda la possibilità di monitorare la diffusione di un virus tramite Twitter, uno dei più noti e importanti social network:  Twitter, cinguettii anti influenza

Siamo soliti considerare i social network interessanti realtà del web, ma non così indispensabili: moltissime persone, infatti, ne fanno a meno e vivono benissimo. Ora, però, il loro utilizzo potrebbe essere valutato da un nuovo punto di vista, giovando alla medicina e fornendoci, per esempio, i presupposti per fronteggiare al meglio una delle incombenze più tignose dell’inverno: l’influenza. Stando infatti a uno studio effettuato da esperti della John Hopkins University di Baltimora, con Twitter sarà possibile tenere sotto controllo l’epidemia influenzale, mettendo a fuoco i commenti dei numerosi utenti coinvolti dal sito e tracciando una mappa della diffusione de…

Lupo mannaro, svelato il mistero

Immagine
Risolto il mistero dell’ipertricosi, ossia la rarissima patologia che in passato veniva scambiata per la capacità di alcuni uomini di trasformarsi in fantomatici ‘lupi mannari’. È per via di un gene situato su uno dei bracci del cromosoma X e che è da poco stato scoperto da un team di ricercatori della Baylor School of Medicine Houston nel Texas; è un’unità di materiale ereditario che possedevano i nostri antichi progenitori e che serviva loro per mantenere folta la peluria del corpo necessaria a proteggerli dal freddo. Specificatamente, il riferimento è alla forma più grave di ipertricosi, ovvero quella congenita, che contraddistingue in media una persona su dieci milioni. In altri casi l’ipertricosi può essere favorita da varie patologie: malattie ovariche, alterazioni surrenaliche, ovaio policistico, sindrome di Cushing, endocrinopatie, iperprolattinemia e obesità. L’incidenza dell'ipertricosi è insignificante nella razza gialla e in quella nera, è poco comune nel Nord Europa, …

Note al volante

Immagine
Qualche tempo fa è uscito un articolo curioso che sottolineava l’importanza dell’ascolto della musica mentre si è al volante. Stando, infatti, agli autori dello studio canadese citato nel pezzo, l’azione produrrebbe una sensazione di benessere dovuta al circolo di importanti ormoni, che contribuirebbe a far sopportare meglio lo stress dovuto al traffico. Non è una cosa da poco, se si pensa che per molte persone, il caos stradale, associato magari a lunghe code, porta a “scompensi” fisiologici di tutto riguardo, che a lungo andare possono incidere sulla salute. Ora, però, una nuova ricerca mette in guardia dall’ascolto discriminato della musica a bordo del proprio mezzo, poiché non tutte le “colonne sonore” dei nostri viaggi sono consone all’attività di guida. In senso generale, la tesi avanzata dallo studio canadese è assolutamente attendibile, tuttavia esistono anche casi in cui la musica in macchina può fare più male che bene. Tutto dipende dalle canzoni che stiamo ascoltando. Elton…

2013, l'anno delle comete

Immagine
A marzo e a dicembre, occhi puntati verso l'alto, per l'arrivo di due (super) comete, appena scoperte. Ne parlo su Lettera43: 2013, l'anno delle comete


Potrebbe essere una cometa cento volte più luminosa di Venere ed essere visibile anche di giorno. Si usa il condizionale perché non è mai possibile prevedere con assoluta certezza il comportamento di simili oggetti cosmici. Tuttavia gli esperti ritengono che, non avendo mai patito lo stress dello shock termico derivante da un “incontro ravvicinato” col sole, potrebbe dare vita a una coda luminosissima. Esattamente come l’iconografia classica riproduce la famosa cometa di Natale. Comunque andranno le cose, sarà il primo corpo celeste di questo tipo ben visibile nell’emisfero boreale dopo l’incontro con Hale-Bopp, in visita alla Terra nel 1997. Battezzata Ison, l’oggetto cosmico si trova ora a circa 600 milioni di chilometri dal sole; ma il 28 novembre sarà a due milioni di chilometri dalla nostra stella, e il 26 dicembre, a …

Discriminazioni familiari

Immagine
All’interno di un nucleo familiare i bambini belli vengono trattati meglio di quelli brutti. Lo dice un team di ricercatori canadesi dell’Università dell’Alberta, i cui risultati verranno presto commentati nel corso di un convegno di psicologi che si terrà a Edmonton. Ma c'è un retroscena evolutivo. Gli studiosi affermano, infatti, che a livello inconscio i genitori sono indotti a ritenere i propri figli più belli, portatori di un patrimonio genetico migliore, che va necessariamente protetto e preservato. Gli esperimenti si sono avvalsi di circa 400 sopralluoghi in dodici centri commerciali. Gli esperti hanno tenuto conto di specifici atteggiamenti riservati da mamma e papà alla propria prole, relativi per esempio all’impiego o meno del seggiolino situato sul carrello per far star meglio il bimbo, o al semplice fatto di tenere vicino a sé uno o l’altro figlio per non fargli correre il rischio di perdersi o incappare in qualche pericolo; per quanto riguarda la bellezza, gli studios…

UFO LUNARI

Immagine
Ci risiamo. L'ennesima bufala ufo ha preso il largo stamane su vari tabloid britannici. Complice un video di Youtube che attesterebbe il volo di navicelle misteriose in prossimità della Luna. Non bastano le valanghe di notizie ufologiche diffuse da siti convinti che gli alieni siano fra noi (da millenni!) e, ultimamente, dal canale digitale di Focus (che sembra non avere altri argomenti se non quelli inerenti gli extraterrestri). Tanto per sgominare ogni equivoco, però, prima di calarci nel magico mondo propinatoci ancora oggi dai media, vale la pena ricordare alcune parole pronunciate da Margherita Hack, sulla faccenda degli ufo, nel corso del festival della Scienza del 2011: «ET? È quasi certo che esista», rivela la scienziata, ««è, infatti, assurdo pensare che non ci siano altre forme di vita all'interno della galassia. O si è credenti e si ritiene che la Terra sia stata creata apposta per l'essere umano, oppure si è atei e ci si affida alla ragione e al calcolo delle p…

Ecosostenibile come Nantes

Immagine
La città più "green" del Vecchio continente. Ne parlo su Lettera43: Nantes, capitale verde d'Europa

Svelato il mistero delle abbuffate notturne

Immagine
Scoperta la causa dell’impellente necessità di alzarsi nel cuore della notte per abbuffarsi, predisponendo a malattie croniche come diabete e obesità. Dipende tutto da una mutazione in un gruppo di geni, battezzati ‘geni orologio’, che regolano il ritmo del sonno e della veglia. Sono le conclusioni di ricercatori della Northwestern University in Illinois e dell’Howard Hughes Medical Institute. Affermano che chi soffre di questa mutazione nei ‘geni orologio’ subisce un rovesciamento delle abitudini di vita, per cui ha sonno di giorno, mentre di notte è colpito dai crampi della fame e dall'iperattività. Secondo gli studiosi in questo modo diventa molto più facile mettere su chili e annullare gli effetti di una dieta seguita a puntino, o di un allenamento fisico condotto scrupolosamente. In più si verifica un incremento nel sangue di sostanze che portano alla tipica sindrome metabolica di cui si sente sempre più spesso parlare, caratterizzata da livelli alti di grassi, e glucidi nel …

L'estate (torrida) che verrà

Immagine
Lo dice Met Office: sarà un'estate molto calda. Possibile? Difficile dirlo, in realtà, con sei mesi di anticipo; tuttavia da vent'anni a questa parte la temperatura su scala mondiale va crescendo sempre più. Ecco le previsioni per l'estate del 2013 e gli anni che verranno: Clima, un 2013 caldissimo
Pubblicato su Lettera43: 
«Sarà un’estate caldissima, fra le più calde in assoluto da dieci anni a questa parte». Met Office, massima autorità in Inghilterra nel campo delle previsioni meteorologiche, ha promulgato la sua sentenza. Ora seguirà il solito elenco di commenti approssimativi, che – a seconda del parametro climatologico osservato – appoggerà o meno la dichiarazione dell’organo inglese. Va, comunque, precisato che - benché le previsioni a lunghissimo termine possano rivelarsi dei clamorosi fiaschi – l’ufficio meteorologico del Regno Unito difficilmente sbaglia. Nel 2008, a marzo, disse che ci sarebbe stata un’estate decisamente calda e secca, ed ebbe ragione. A settembre…

Amabili come i ragni

Immagine
Saranno forse delle creature poco graziate e per questo non molto attraenti, eppure  i ragni possiedono delle caratteristiche comportamentali che sorprendentemente li avvicinano all’uomo, più di quanto non accada con altre specie a noi filogeneticamente più affini. È questo il resoconto di uno studio condotto da Eileen Hebets, scienziata presso la University of California Berkeley. La studiosa ha in particolare osservato il comportamento dei generi Lycosidae, Heterothele e Hysterocrates. Hebets ha scoperto che i primi, cacciatori per antonomasia e contraddistinti da un apparato visivo eccezionale, sono tendenzialmente monogami, e quindi inclini alla fedeltà nei riguardi del partner. Ciò è stato appurato dal fatto che le femmine scelgono di accoppiarsi sempre con gli stessi esemplari, con cui hanno già avuto esperienze. Mentre per quanto concerne gli altri due generi il riferimento è alle caratteristiche altruistiche e ‘affettive’ dei ragni. In questo caso Hebets ha potuto constatare c…

La ricombinazione nel DNA mitocondriale

Immagine
Dimostrata per la prima volta la ricombinazione del DNA mitocondriale (mtDNA): fino a oggi infatti si pensava che l’acido desossiribonucleico contenuto nei mitocondri non subisse la stessa sorte del DNA nucleare (ossia quella di andare incontro allo scambio di materiale genetico proveniente sia dal maschio che dalla femmina), e che pertanto fosse ereditabile solo dalla madre. È il risultato ottenuto da Yevgenya Kraytsberg del Beth Israel Deaconness Medical Center. Ora, se gli esperimenti degli israeliani dovessero essere confermati, si dovranno riprendere dall’inizio gli studi sull’evoluzione umana e sui caratteri ereditabili rispettivamente da mamma e papà. Si è partiti dal presupposto che il DNA mitocondriale corrisponde a un gruppo di trentasette geni contenuti all’interno dei mitocondri, organelli microscopici che nelle cellule si occupano di produrre energia. E si è infine giunti a individuare trentatrè ricombinazioni avvenute tra 450 molecole di acido desossiribonucleico. La not…

Tempeste solari, spauracchio 2013

Immagine
Finito il timore della fine del mondo programmato per il 2012, si riaffaccia lo spauracchio dell'apocalisse per il 2013. Più serio questa volta, poiché è coinvolta anche la NASA. Ma attenzione a non fare confusione. Vediamo esattamente cosa sta succedendo... Tempeste solari, spauracchio 2013


Pubblicato su Lettera43: 
Non si è ancora placato il rumore provocato dal vaticinio Maya, che già si torna a parlare di fine del mondo. Se poi è un organo come la NASA a prendere la parola, le antenne dell’immaginario collettivo non possono fare a meno di tornare a vibrare con intensità. Cosa sta succedendo di nuovo? Questa volta le attenzioni sono rivolte al Sole che, come è noto, con periodicità undecennale, cambia la sua attività: lo prova la ciclicità delle cosiddette macchie solari - luoghi di intensa attività magnetica - che appaiono e scompaiono sulla superficie della stella, confermando dinamiche fisiche non ancora del tutto chiare, che l’uomo tiene sotto controllo dal 1750. Ebbene, sec…